Saluti da Seriozha

È da un pezzo che non scrivo più di Seriozha, e non va bene.

Tre anni fa lo chiamavo Sergey Vladimirovich e gli davo del Lei.

Sì, infatti, sono passati tre anni. L’abbiamo conosciuto nell’aprile 2015 a Khryashchevatoe. Camminava appoggiandosi su una stampella avvolta con lo scotch. Nella sua baracca dove abitava dopo che la sua casa era stata distrutta dal bombardamento d’artiglieria non c’erano né acqua né luce. Tutto il villaggio era stato praticamente livellato al suolo nel 2014, per un anno intero i suoi abitanti sono sopravvissuti senza nulla, i lavori di ricostruzione sono stati lenti e lunghi.

Tre settimane dopo la nostra visita ad aprile cadde e si ruppe una gamba. Rimase così per 24 ore – il cellulare era scarico e nessuno sentì le sue grida. Poi venne un’ambulanza e lo portarono all’ospedale, ma non riuscirono a salvargli la gamba. Grazie a Dio, è sopravvissuto. Seriozha soffre di poliartrite e cammina con fatica. Il nostro incontro è stato un vero miracolo – altrimenti non saremmo stati in grado di aiutarlo…

17_05_2

Adesso gli do sempre del tu.

Gli mando le foto di mia figlia e lui mi invia sempre dei video con dei gif buffi.

Adesso è quasi arrivata l’estate e Seriozha sta quasi sempre fuori. Sulla sua nuova carrozzina elettrica, per la prima volta può fare delle passeggiate fuori, quando il tempo lo permette. Gliela abbiamo regalata quando era ancora inverno e passare sopra la neve con la carrozzina era difficile. Quindi poteva esplorare le sue capacità solo nei corridoi, ma non è la stessa cosa.

Natasha, ti ringrazio di cuore. Ogni volta ti scriverò. La carrozzina ha salvato Seriozha, perché si stava spegnendo per la propria impotenza e dipendenza dal personale medico. Gli ha dato un secondo fiato e non sono parole vuote per il blog.

La carrozzina gli permette di andare sul terreno irregolare e adesso passeggia dappertutto anche per l’enorme bosco che sta accanto al suo pensionato geriatrico. Il bosco è molto bello e grande.

Le velocità non gli bastano, vuole la quinta.

17_05_1

Seriozha saluta tutti!

A volte visita questo blog e legge questi post, quindi gli potete scrivere nei commenti.

Zhenya e Lena cercano di andare a trovarlo il più spesso possibile e di portargli qualcosa di buono da mangiare, ma in realtà al pensionato si mangia bene. Solo che è tutto molto dietetico.

Grazie a tutti quelli che partecipano al nostro aiuto!

17_05_3

Se volete contribuire all’aiuto per il Donbass potete scrivermi un messaggio privato su vkfacebook o all’email littlehirosima@gmail.com (si può scrivere in russo o in inglese).
L’informazione dettagliata su l’aiuto umanitario si trova qui.


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *